Studio Lezzi & Partners | Consulenti del Lavoro

Domande di pensione per i soggetti esclusi dall’adeguamento alla speranza di vita per il 2019


Con riferimento ai soggetti esclusi dall’adeguamento alla speranza di vita per il 2019, si forniscono indicazioni per la presentazione delle domande di pensione anticipata.


Come noto, dal 1.1.2019, i lavoratori dipendenti che svolgono attività gravose o addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti (a condizione che siano in possesso di un’anzianità contributiva pari ad almeno 30 anni), sono esclusi dall’adeguamento alla speranza di vita, in relazione ai requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici di vecchiaia e anticipata. La domanda di pensione deve essere presentata, esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali: WEB, se in possesso di un PIN INPS, di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS) per l’accesso ai servizi telematizzati dell’Istituto; Contact Center multicanale, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico, se in possesso di PIN; Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN.
Alla domanda di pensione deve essere allegata la dichiarazione del datore di lavoro redatta sull’apposito modello reperibile sul sito dell’Inps. In tale modello, presente in due versioni a seconda che il soggetto sia un lavoratore dipendente del settore privato o pubblico (codice AP116) o un lavoratore domestico (codice AP117), il datore di lavoro deve attestare le seguenti circostanze: i periodi di svolgimento delle professioni considerate attività gravose; il contratto di lavoro applicato; il livello di inquadramento attribuito; le mansioni svolte con i relativi codici professionali attribuiti, ove previsti.
Laddove il datore non possa rendere la dichiarazione per accertabile oggettiva impossibilità derivante dalla cessazione dell’attività, l’interessato è tenuto ad allegare alla domanda di pensione una dichiarazione sostitutiva di atto notirietà, attestante i periodi di svolgimento delle professioni c.d. gravose, il contratto di lavoro applicato, il livello di inquadramento attribuito e le mansioni svolte con i relativi codici professionali attribuiti, ove previsti.

Attività dello Studio

Le attività dello Studio comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un contesto di continuo aggiornamento e approfondimenti

Chi Siamo

Nato dalla convinzione che la Grande Opera dell'Uomo si realizzi attraverso il suo costante impegno nel lavoro, lo "Studio Lezzi & Partner" si prefigge lo scopo di assistere i suoi clienti nel

chi siamo int4